fbpx Skip to content

MOLD IS BEAUTIFUL di Luce Lebart

di PHocus Magazine

Mold is beautiful è un nuovo ecosistema nel quale coesistono artefatti ed esseri viventi.
Luce Lebart, Mold is beautiful, stampa a getto d'inchiostro, 2015

OPENING: venerdì 10 maggio 2024, ore 18:00

«Chi è l’autore di queste immagini sconvolte dal tempo, dall’aria, dall’acqua e dalle manipolazioni? È un fotografo degli anni ’20 di cui si sono perse le tracce e il nome? Oppure sono i microrganismi che hanno trasformato le immagini in oggetti di contemplazione estetica?» chiede Luce Lebart.

Mold is beautiful è un nuovo ecosistema nel quale coesistono artefatti ed esseri viventi.
MOLD IS BEAUTIFUL di Luce Lebart curatore associato: Francesco Biasi dal 10 maggio presso Il Meccanico, Verona

La mostra Mold is Beautiful – ospitata nello spazio veronese de Il Meccanico – s’interroga sulla capacità della fotografia di emozionare. «Offerte alla contemplazione, queste immagini ci ricordano come le qualità estetiche di una fotografia sono decisamente indipendenti da un intento artistico», scrive Luce Lebart.

Le immagini hanno molte vite e molti tempi: sono state amate, disprezzate, perdute, esposte. Le immagini sono documentio, operea, testimonianza, archivio e tutto questo contemporaneamente.

Mold is beautiful parla anche della materialità delle immagini analogiche, di come il tempo abbia lavorato e dialogato con la loro sopravvivenza. «Meraviglie dell’oblio, successo della incuria e del disinteresse, queste immagini, danneggiate da un’inondazione, sono state private della luce del giorno per anni. L’abbandono, sommato alle risorse organiche insite nella loro composizione (gelatina, fecola di patate), ha fornito il terreno ideale per una proliferazione creativa casuale».

           
Un’autocromia a dominante verde era in origine la foto di un giardino scattata negli anni Venti, altre immagini mostravano un incendio boschivo, uno spettacolo pirotecnico sulla banchina, la volta celeste, la riva del lago di Ginevra e delle nuvole che pre annunciavano una tempesta.

Per quasi cento anni queste immagini sono state chiuse e dimenticate in una scatola di legno che porta le tracce di un’inondazione. I microrganismi se ne sono impadroniti e le hanno attivate, vitalizzate e trasformate.  «Le muffe sono il nemico numero uno degli archivi», spiega Luce Lebart, «Sono fattori di rischio, agenti di degradazione contro i quali la lotta è d’obbligo. In fotografia il loro potenziale creativo è ingiustamente trascurato. Eppure l’uomo si serve del potere di trasformazione dei microrganismi per produrre il pane quotidiano, il vino, la birra e tutti i formaggi».  

L’incontro tra la tecnica (la fotografia) e il vivente (i microrganismi) ha generato nuove forme che hanno la particolarità – e qui risiede la loro bellezza – di entrare in dialogo con il contenuto delle immagini ed ampliarne le forme. Il giardino, il fuoco nella foresta, la costellazione, i fuochi d’artificio e le nuvole sono raddoppiati: appaiono nuovi fiori sconosciuti, pezzi di legno bruciati galleggiano, una nuova via lattea emana dalle distorsioni della gelatina. L’immagine tecnica è divenuta un terreno per la proliferazione del vivente.

Mold is beautiful è un nuovo ecosistema nel  quale coesistono artefatti ed esseri viventi.

Mold is beautiful è un nuovo ecosistema nel quale coesistono artefatti ed esseri viventi.
© Luce Lebart, Mold is beautiful, stampa a getto d'inchiostro, 2015

Luce Lebart è una storica della fotografia, curatrice e ricercatrice per la collezione Archive of Modern Conflict. I suoi lavori riguardano l’archivio, gli immaginari scientifici, le tecniche e la materialità delle immagini. È autrice di libri di fotografie, tra cui appunto “Mold is beautiful” (2015) o “Gold and Silver” (RVB BOOKS, 2019) e opere di riferimento come “Les grandes photographes du XXe siècle” (Larousse, 2017) e “A world History of Women Photographers” (Thames & Hudson, 2022).

Tra le sue esposizioni presentate in Francia ed altrove figurano “Cloud Album” (Vancouver, 2022); “La Saga des inventions” (Rencontres d’Arles, 2019); “Gold and Silver” e “Frontera” (musée des Beaux arts du Canada, 2017 et 2018) e ancora “Mauvaises Herbes” (CPIF, 2022). Dal 2022 fa parte della direzione artistica del Festival Fotografia Europea.

 

Francesco Biasi è coordinatore artistico presso il Centre Photographique d’Île-de-France (Pontault-Combault, Francia).
Tra i suoi progetti curatoriali “Tentacle Togetherness” di Anouk Kruithof (2023) e “Blank Memory” di François Bellabas (2024). 

 

 

© Mold_Luce Lebart, Mold is beautiful, stampa a getto d'inchiostro, 2015

INFORMAZIONI PRATICHE

MOLD IS BEAUTIFUL

di Luce Lebart
Curatore Associato: Francesco Biasi

Il Meccanico – Via San Vitale 2b, Verona 

OPENING: venerdì 10 maggio 2024, ore 18:00

DATE: da 10 maggio al 23 giugno 2024
ORARI:

  • dal lunedì al venerdì su prenotazione al numero 327.7341027
  • sabato: 10:00-12:00 | 16:00-19:00
  • domenica: 16:00-19:00

INGRESSO LIBERO

INFO:
grenze.arsenali.fotografici@gmail.com

www.grenzearsenalifotografici.com

Vieni a scoprire allo stand Fowa tutte le soluzioni video dei brand Lumix, Samyang – Xeen, SmallRig e Yololiv.

Lancio a luglio 2024 SIGMA 18-50mm F2.8 DC DN | Contemporaneo

SIGMA announces 6 RF lenses for APS-C

Grazie a un design ottico e meccanico sofisticato, è stato possibile mantenere dimensioni compatte: diametro filtro di φ67 mm, diametro massimo di 74,8 mm, lunghezza di 92,3 mm e peso di circa 440 g.

Condividi
Read More »
SONNO SELVAGGIO

SONNO SELVAGGIO

@Maxime Aliaga Uganda 7 Back to the origin Quante immagini di sonno abbiamo visto negli ultimi anni! Tante e tutti i più grandi fotografi del

Condividi
Read More »
Condividi

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X