fbpx Skip to content

Ottavio Giannella: The Earth Awakens

di PHocus Magazine

A maggio in Islanda, di notte, il sole è ancora alto nel cielo e non tramonta fino a quasi mezzanotte.

Il fotografo Ottavio Giannella vola con la sua X1D II 50C dall’Italia a Francoforte e poi all’aeroporto di Keflavík in Islanda. In 40 minuti di auto raggiunge la valle della penisola di Reykjavík e in due ore di cammino raggiunge la sua destinazione, il sito dell’eruzione di Fagradalsfjall.

Fagradel è rimasto inattivo per oltre 6.000 anni. Nel marzo del 2021, dopo oltre 40.000 piccoli terremoti, la montagna si è aperta, eruttando e riversando migliaia di anni di attività vulcanica repressa.

Appena Ottavio ha appreso la notizia, ha capito che doveva andare. Dopo tutto, questa era la prima eruzione vulcanica sulla penisola di Reykjanes in quasi 800 anni. Reykjavík, la capitale dell’Islanda, dista poco più di 40 chilometri, il che significa che potrebbe essere un’occasione unica nella vita per vedere l’eruzione da vicino.

L’Islanda ha una politica di sicurezza vulcanica relativamente rilassata; anche i turisti in vacanza possono osservare l’evento da una distanza di sicurezza. Tuttavia, è necessario prestare attenzione alle informazioni che il dipartimento di sicurezza locale rilascia in tempo reale e si raccomanda di portare con sé sensori e maschere respiratorie per evitare l’esposizione ai gas tossici rilasciati dal vulcano.

© Ottavio Giannella- X1D II 50C + XCD 135 + X Converter 1,7

I vulcani sono soggetti particolari. Un fotografo deve sintonizzarsi sulle caratteristiche in evoluzione dell’attività vulcanica, in particolare sui tempi e sull’intensità di ogni eruzione. “Quando era molto meno esplosiva e più ‘dolce’, si potevano usare tempi di posa più lenti, mentre in seguito, per catturare le esplosioni, erano necessari tempi molto veloci e diaframmi piuttosto piccoli per avere una bella profondità di campo e maggiori dettagli”.

© Ottavio Giannella- X1D II 50C + XCD 135

Quando la lava calda erutta dalla Terra, la temperatura può raggiungere migliaia di gradi Celsius. I lampi di lava sono affascinanti per l’occhio e si contendono anche l’attenzione della fotocamera. L’esposizione rappresenta una grande sfida durante le riprese.

“È una scena veloce e molto luminosa, con un terreno molto scuro. È necessario disporre della giusta misurazione di luci e ombre per poter catturare ogni dettaglio di un soggetto così vario”.

© Ottavio Giannella- X1D II 50C + XCD 135
© Ottavio Giannella- X1D II 50C + XCD 135 + X Converter 1,7
© Ottavio Giannella- X1D II 50C + XCD 135 + X Converter 1,7

Ottavio è arrivato preparato. Ha scattato con la sua fotocamera X1D II 50C e tre obiettivi: un grandangolo HCD 24, un obiettivo standard HC50 II per le riprese panoramiche e medie e un teleobiettivo XCD 135 per i dettagli ravvicinati. Nonostante la fotografia di un paesaggio dinamico e ad alto contrasto, Ottavio ha preso una decisione coraggiosa. “Ho deciso di ottenere l’immagine senza fare scatti da modificare in HDR. Volevo immortalare il movimento reale di questa scena con ogni singolo spruzzo di lava. “

“Avevo con me un’altra macchina fotografica, ma i risultati della Hasselblad erano imbattibili. La post-produzione di queste foto è stata molto semplice. Mi sono concentrato principalmente sull’apertura delle ombre e sul lavoro sulle aree più scure. La gamma dinamica della X1D II 50C e il recupero delle ombre, praticamente senza rumore, hanno elevato ogni scatto al di sopra delle aspettative. Direi che è stata assolutamente indispensabile”.

Osservando ogni movimento del vulcano, Ottavio è rimasto sul posto dall’alba al tramonto. Alle undici di sera, il cielo si è trasformato in un bagliore, quasi come se un vulcano avesse acceso anche lui. Una coppia si è seduta l’una accanto all’altra e ed è rimasta a guardare lo spettacolo di un millennio. Ottavio ha notato la scena e l’ha immortalata con la X1D II 50C. “È stato molto romantico. Volevo portare con me questa scena meravigliosa. Era surreale, come guardare una coppia di innamorati davanti a un camino”.

Ottavio Giannella X1D II 50C + XH Converter 0,8 + HCD 24

Alle quattro del mattino, il cielo islandese si illumina di nuovo. Il vulcano è stato attivo tutta la notte e il sole, dopo un breve riposo, si è alzato sopra le colline. A prima vista, potrebbe quasi essere scambiato per un altro vulcano risvegliato.

© Ottavio Giannella- X1D II 50C + XH Converter 0,8 + HCD 24

Il vulcano Fargradale è stato attivo per sei mesi fino a spegnersi verso la fine di settembre 2021. Con i suoi fumi antichi, la vasta distesa di lava ha rimodellato la superficie e ha rivelato la vitalità interna della Terra: impressionante, sconvolgente e stranamente sorprendente.

“Le colonne di lava potevano raggiungere i 300 metri di altezza e il calore era impressionante. Dovevo controllare che il vento non cambiasse. Se fosse cambiato verso di me, avrei dovuto lasciare l’area molto velocemente per evitare di essere colpito da pietre infuocate”.

“È stato fantastico. Ti fa comprendere appieno come sono state create le formazioni rocciose che compongono il nostro pianeta. È stato come fare un salto indietro di milioni di anni e vedere che tutto si è creato in modo naturale e quasi inspiegabile”.

 

Ottavio Giannella è un fotografo italiano alla continua ricerca di fenomeni e prospettive uniche in tutto il mondo. Ha lavorato in oltre 20 Paesi e ha compiuto lunghe spedizioni nell’Artico per catturare l’aurora boreale. Il suo lavoro è stato pubblicato in pubblicazioni come National Geographic e The International Post.

 

MonoVisions Photo Awards scadenza 19 Maggio 2024

MonoVisions Photo Awards scadenza 19 Maggio 2024

Le categorie disponibili: Astratti, Architettura, Concettuale, Fotografia d’Arte, Paesaggi, Natura e Animali, Nudo, Persone, Fotogiornalismo, Ritratti, Street Photography e Viaggio. Termine uiltimo per la presentazione 19

Condividi
Read More »
23 APRILE GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO

MARTEDÌ 23/4 CONFERENZA STAMPA PRINCI-IUNTI, REGIONE E USR SOTTOSCRIVERANNO IL PROTOCOLLO “LA CALABRIA RACCONTATA DAI SUOI SCRITTORI”

Nel corso dell’incontro con la stampa sarà anche illustrato il volume “Terzo Regno – Parole come pietre e luci”, opera editoriale ideata per promuovere la lettura degli autori calabresi come Corrado Alvaro, Saverio Strati, Saverio Montalto, Francesco Perri e Mario La Cava, attraverso tre differenti narrazioni: brevi saggi, aforismi e fotografie.

Condividi
Read More »
Condividi

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X