fbpx Skip to content

Mark Hogancamp, il fotografo delle bambole che perse la memoria.

di Paolo Ranzani

Una storia tragica che trasformò un uomo perso in un grande artista.

Mark Hogancamp, Untitled, 2006, Photo from Marwencol.com

Sfogliando l’immenso palinsesto di Netflix mi imbatto in un storia che non conoscevo. Un fotografo di soldatini, anzi, meglio dire di bambolotti, quelli tipo Barbie o Big Jim, per capirci.

Ma partiamo dall’inizio. Mark Hogancamp, questo è il suo nome, è stato un muratore, un marinaio nella marina militare, un carcerato, un cameriere che abusava di alcol nell’aprile del 2000 la sua vita cambiò ancora più brutalmente. Divorziato e alcolizzato Mark viveva in una roulotte e lavorava dieci ore al giorno in un ristorante di Kingston, vicino a New York e, quella sera dell’8 aprile del 2000, venne aggredito da cinque uomini che scambiarono alcune sue abitudini per gesti da effeminato, lo presero in giro volgarmente e alla fine lo picchiarono selvaggiamente lasciandolo in mezzo alla strada in fin di vita. Dopo nove giorni di coma, si svegliò scoprendo di non avere alcun ricordo della sua precedente vita da adulto. Il suo cervello aveva subito danni tali da fargli perdere la capacità di parlare e di camminare, ma soprattutto aveva perso la memoria. Doveva imparare di nuovo a mangiare, camminare e scrivere. E riscoprire chi fosse stato.

Mark Hogancamp, Untitled, 2006, Photo from Marwencol.com

Ci volle tempo e pazienza ma piano piano iniziò a riprendersi fisicamente, le terapie riabilitative erano parecchio costose e non poteva fare affidamento solo sugli aiuti statali, così Mark decise di prendere in mano la situazione, riprese a lavorare nel ristorante e iniziò a ricostruirsi un mondo nuovo, spettacolare, un intreccio di vite inventate che prese forma piano piano nella sua testa.

Nel giardino della sua casa creò un nuovo mondo completamente sotto il suo controllo: una città abitata da sole donne bellissime, il periodo è quello della Seconda Guerra Mondiale, tradotto in scala 1:6. Lui si identificò nel comandante impegnato a difendere la cittadina chiamata Marwencol, nome nato dalla fusione dei nomi Mark (sè stesso), Wendy and Colleen (due cotte giovanili).

Mark Hogancamp, Untitled, 2006, Photo from Marwencol.com

Usando gli alter ego delle bambole dei suoi amici, della sua famiglia, di sé stesso e anche dei suoi aggressori, Mark mise in scena battaglie epiche e con una vecchia Pentax iniziò a fermarli per sempre in fotografie straordinariamente realistiche. Quelle bizzarre immagini iniziarono a girare e il fotografo David Naugle restò molto colpito dalla storia e dalla originalità del lavoro e le fece pubblicare su una rivista di fotografia portando così la storia di Hogancamp fuori della sua città, in questo modo  arrivò l’attenzione del mondo dell’arte al punto che un gallerista ne rimase così affascinato da organizzare una mostra a Manhattan. Questo episodio inaspettato ha segnato una nuova rinascita trasformando definitivamente la tragedia personale di Mark in una forma d’espressione artistica amata e pubblicamente riconosciuta.

Il clamore continuò e fu irrefrenabile tanto che si arrivò a produrre un pluripremiato documentario girato dal regista Jeff Malmberg, ” Marwencol, il villaggio delle bambole “, che vede la partecipazione di Mark Hogancamp nel ruolo di sè stesso e poi ad un libro “Welcome to Marwencol”.

Mark Hogancamp, Untitled, 2006, Photo from Marwencol.com
Mark Hogancamp, Untitled, 2006, Photo from Marwencol.com

Da quel libro è stato tratto il film di cui vi ho accennato all’inizio, film vincitore di un Golden Globe. Per interpretare il protagonista è stato scelto un fantastico Steve Carell che recita in questo dramma diretto dal regista premio Oscar Robert Zemeckis. Non perdetevelo, è davvero una storia che vi lascerà meravigliati.

Altri articoli di questo autore

Condividi

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X