fbpx Skip to content

L’immagine incontenibile su Gente di Fotografia di Marisa Prete

di PHocus Magazine

Marisa Prete, attenta studiosa della cultura visiva, molto seguita sui social, ha pubblicato sul numero 78 della rivista semestrale “Gente di Fotografia”, diretta da Franco Carlisi e attualmente disponibile, una profonda riflessione su un’opera del nostro collaboratore Pio Tarantini. Si tratta di un trittico, intitolato MT con divano e specchi, Salento 2016, presentato per la prima volta a MIA Photo Fair del 2019 in un allestimento in grande formato a cura di PHOTOSHOWALL e successivamente in alcune delle più recenti mostre del lavoro Imago.

Per gentile concessione della rivista “Gente di Fotografia” pubblichiamo alcuni stralci del testo di Marisa Prete.

MT con divano e specchi, Salento 2016 − © PIO TARANTINI

Il trittico MT, Salento, 2016 di Pio Tarantini è un’immagine che fa della complessità visiva e di lettura la sua cifra costitutiva. Quest’opera è una potente riflessione che l’immagine opera su sé stessa e sulla propria capacità di contenere lo spazio, il tempo, la forma. L’occhio dello spettatore, infatti, vorrebbe ricostruire il movimento della figura femminile, di cui intuiamo le forme, sebbene evanescenti fino al dissolvimento, ma il corpo che sembrerebbe concludere la sequenza, con la sua nudità, spezza di fatto la coerenza della successione, introducendo una ulteriore discontinuità.

[…] L’immagine contiene in sé due elementi profondamente metalinguistici, da sempre collocati sulla soglia che introduce ai misteri della rappresentazione: la cornice e lo specchio.

[…] … la cornice del trittico, che sembra suggerire la percezione di una composizione unitaria, come quella di certi pannelli fiamminghi, è un telaio che non “contiene” semplicemente le immagini, ma le destabilizza, mettendo in scacco la rappresentazione, rendendola refrattaria alla ricostruzione di una trama narrativa e di una coerenza figurativa.

[…] La struttura rigida del trittico che, forte della sua tradizione di supporto delle sacre rappresentazioni, promette la visione di immagini salde, addirittura salvifiche, rivela invece il suo contenuto evanescente: la figura femminile, che sembra sul punto di dissolversi, attraversa uno spazio incongruo, discontinuo, e si ritrova, nell’ultima “inquadratura”, a volgere le spalle allo spettatore, senza più un abito di scena, senza più una scenografia, senza più una storia da raccontare. Il vestito, disteso sulla poltrona, testimonia quasi una resa.

Ecco lo smacco delle cornici, di questi supporti che mettono ‘in quadro’ i nostri desideri di racchiudere dei pezzi di realtà, o di racconto, o di sogno. Quando si tenta di farlo, quella realtà ci sfugge, svanisce, nonostante ogni tentativo di trattenerla in dei confini, per potercene impadronire.

 

Stralci dell’articolo di Marisa Prete sul numero 78 di “Gente di Fotografia”, Aprile 2022

Condividi

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X