fbpx Skip to content

La Canon EOS R1 il fiore all’occhiello dei flagship

di PHocus Magazine

Negli ultimi mesi, abbiamo ricevuto piccole informazioni sull’imminente Canon EOS R1 . La prossima fotocamera di punta di Canon. Non abbiamo ancora un vero sostituto della EOS-1D X Mark III, che è generalmente considerata la migliore DSLR mai realizzata. Quindi è ovvio che Canon si prenderebbe il tempo per assicurarsi di rilasciare un corpo mirrorless che superi qualsiasi altra cosa là fuori.

Alcune delle informazioni che abbiamo ricevuto su EOS R1 sono contraddittorie, il che è abbastanza normale nello sviluppo del prodotto. A volte le informazioni provengono dalla prototipazione, a volte dal passaparola e a volte, sfortunatamente, sono solo inventate.

Cosa ci è stato detto sulla Canon EOS R1

  • Corpo più grande rispetto a Canon EOS R3
  • Pannello OLED molto più grande sul retro della fotocamera. Una fonte ha detto che “nulla attualmente là fuori ha uno schermo così grande come avrà EOS R1”. La dimensione standard per le fotocamere più grandi sembra essere di circa 3,2 “, potremmo ottenere uno schermo da 4”?
  • La risoluzione sarà “circa 45mp”, che secondo Canon è il punto debole per la risoluzione. In un contesto professionale come gli eventi sportivi, devi considerare la velocità effettiva necessaria per trasferire le immagini dalla fotocamera all’editor e quindi al Web/stampa. Mentre alcuni hanno rivendicato un sensore da 80 MP, pensiamo che vedrai un tale sensore in un corpo EOS R5 .
  • L’EVF sarà la “risoluzione più alta” quando verrà lanciato, secondo quanto riferito sarà un EVF realizzato da Canon. Aspettatevi “opzioni di frequenza di aggiornamento estremamente elevate” e “nessun blackout”.
  • Otturatore globale? Alcuni dicono di sì, altri dicono di no. Per il momento non ne abbiamo idea. Riteniamo che sia necessario un otturatore globale, in particolare con gli otturatori elettronici e cosa potrebbe essere possibile se eliminassero i problemi di tapparella a cui sono inclini EOS R3 ed EOS R5 in determinate situazioni.
  • La batteria sarà una variazione dell’LP-E19
  • EOS R1 avrà due slot CFe. Una fonte ha affermato che è probabile che almeno uno degli slot sia di tipo C, non siamo sicuri di questa idea. Le carte di tipo C sono più grandi del tipo B e pensiamo che a questo punto le persone vogliano slot corrispondenti e non un mix. I tiratori Canon hanno aggiunto le carte di tipo B alle loro borse per un po’ di tempo e probabilmente non vogliono ricominciare da capo a meno che non ci sia un motivo che cambia il gioco. Se c’è una lamentela comune che sentiamo su EOS R3 , è lo slot per schede SD a favore di un secondo slot CFe di tipo B. Ad ogni modo, non ci sarà uno slot per schede SD.
  • Aspettatevi “un design ergonomico più in stile EOS-1D”. Questo è piuttosto ambiguo, ma il corpo più grande potrebbe permetterlo. Non pensiamo che le dimensioni contino tanto quanto il peso e Canon sembra dedicare molto tempo alla riduzione del peso di fotocamere e obiettivi. Di sicuro non è un’impresa da poco.
  • Il display dall’alto verso il basso sarà a colori anziché monocromatico, se lo desideri. Sarà “completamente personalizzabile nelle informazioni che mostra e nel suo aspetto”. Penso che tutti noi stessimo aspettando un avanzamento nel display dall’alto verso il basso e come funziona.
  • Un “sistema di messa a fuoco automatica completamente nuovo”. Questo potrebbe significare QPAF? Pensiamo che sia molto possibile, ci sono stati molti brevetti su QPAF, ed è un logico passo successivo.
  • Funzionalità video? Non ne abbiamo idea e la maggior parte delle fonti non dispone di questo tipo di informazioni fino a quando non si avvicina un vero annuncio. Una fonte ha affermato che le funzionalità/firmware video sarebbero state sviluppate dal team Cinema EOS.
  • L’annuncio sarà un “affare prolungato”, che pensiamo significhi prima un annuncio di sviluppo e poi mettere la fotocamera nelle mani dei professionisti per apportare le modifiche finali al firmware prima di un annuncio ufficiale. I giochi olimpici di Parigi inizieranno a luglio del prossimo anno, quindi prevediamo che la fotocamera sarà sul mercato per allora e che l’evento non sarà utilizzato solo per il beta test del prodotto finale.

Sony sta probabilmente preparando un alpha a1 II nello stesso tipo di timeline. Quale azienda sbatte le palpebre per prima e annuncia qualcosa? Pensiamo che EOS R1 sia più importante per Canon di quanto lo sia la a1 II per Sony, e se EOS R1 non sarà il re della collina per almeno un paio d’anni, danneggerà il marchio.

Abbiamo alcune informazioni in più nel foglio di calcolo, ma stiamo aspettando ulteriori conferme, poiché alcune delle cose suggerite ci sembrano semplicemente folli. Le liste dei desideri si confondono con le informazioni reali sul prodotto.

Condividi

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Vuoi accedere agli eventi riservati?

Abbonati a soli 15€ per 365 giorni e ottieni più di ciò che immagini!

Se invece sei già iscritto ed hai la password, accedi da qui

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Non è facile trovare un buon educatore!
Appartengo ad una generazione che ha dovuto adattarsi alla scarsa offerta dei tempi. Ho avuto un solo tutor, a cui ancora oggi devo molto. Brevi, fugaci ma intensi incontri in cui il sottoscritto, da solo con lui, cercava di prendere nota anche dei respiri e trarre insegnamento da ogni singola parola.
A causa di questa carenza io e i miei coetanei ci siamo dovuti spesso costruire una visione complementare come autori, designers, critici ed insegnanti e questo ci ha aiutato a costruire qualcosa di fondamentale e duraturo.
Per questo motivo con Cine Sud che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore della formazione, abbiamo pensato alla possibilità di offrire dei corsi “one to one”, costruiti sulla base delle esigenze individuali e in campi disparati, che vanno dalla tecnica alla ricerca di nuovi linguaggi in fotografia.
Dei corsi molto vicini a quelli che avremmo voluto avere nel passato, se ce ne fosse stata offerta l’opportunità e la parola opportunità non va sottovalutata, perché ha un peso e una sua valenza e non è spesso scontata.
Ognuno sarà libero di scegliere, sulla base dei nostri consigli, un autore o un tecnico, tra quelli offerti come docenti, e intraprendere un corso che gli offra quello di cui realmente ha bisogno e, eventualmente, ripetere questa esperienza in futuro.
Come quando si va da un eccellente sarto a scegliere con cura un vestito, adattandolo perfettamente al corpo, vogliamo fornirvi il corso che meglio si adatta alle vostre, singole e personali esigenze.
Niente nasce dal caso e per poter essere all’altezza di questo compito e potervi fornire un’offerta diversificata e soddisfacente, abbiamo pensato di sottoporvi un questionario tra il serio e lo scherzoso a cui vi preghiamo di rispondere.
Aiutateci a capire le vostre reali esigenze e chi abbiamo difronte, non ve ne pentirete.
Massimo Mastrorillo

Dimmi chi sei e ti dirò che workshop fa per te

Approfondiamo ! per i più intrepidi
X